martedì 14 dicembre 2010

OPERAZIONE ADDIOPIZZO 5. DI BELLA, D’ANNA E BRUNO I CAPIMAFIA DEL NOSTRO COMPRENSORIO

Avevo un dubbio, Signor Sindaco Professor Gaspare Portobello, che il giorno 28 Settembre 2009 Lei avesse avuto una premonizione sui rischi circa la presenza mafiosa sul nostro territorio, Lei HA parlato  dello zio dell’assessore Cutino ammettendo  un suo fattivo e partecipativo contributo nelle elezioni amministrative.

 “Giova ricordare, peraltro, che il personaggio proprietario del bene confiscato, in occasione delle scorse elezioni politiche sosteneva il candidato della lista “Rinascita Isolana” Rosario Rappa.

Purtroppo Isola delle Femmine aveva già vissuto nel suo passato politico amministrativo questa situazione che come Lei certamente ricorderà (allora aveva come avversario politico il geometra Dionisi) culminò con le dimissioni di un Assessore.


Signor Sindaco professore Gaspare Portobello penso che la Sua convinzione di Isola delle Femmine come Isola Felice, in questi giorni abbia avuto una clamorosa sconfessione.

Ho cercato in lungo e in largo una Sua dichiarazione sugli avvenimenti, che dalle prime notizie di stampa stanno delineando il quadro  della  presenza di una rete ben strutturata di un'organizzazione mafiosa anche sul nostro territorio. E LEI come al solito TACE.

Spero   che nelle prossime ore si decida a convocare URGENTEMENTE una seduta del Consiglio Comunale per comunicare atti deliberativi atti ad arginare, preservare e verificare   possibili rischi di infiltrazione mafiosa nella  macchina amministrativa del nostro paese.

OPERAZIONE ADDIOPIZZO 5. DI BELLA, D’ANNA E BRUNO I CAPIMAFIA DEL NOSTRO COMPRENSORIO


14 dicembre 2010 - 14:44



FONTE: GIORNALE DI SICILIA
Giuseppe Di Bella, il cinquantaduenne monteleprino arrestato ieri dalla polizia nell’operazione “addio pizzo 5” che ha smantellato la rete dei fiancheggiatori dei boss Salvatore e Sandro lo Piccolo, sarebbe stato il punto di riferimento della mafia nella zona di Montelepre. Ad indicarlo come uomo d’onore, il pentito carinese Gaspare Pulizzi, che lo cita tra le persone presenti alla sua cerimonia di combinazione. Di Bella, era già stato condannato a due anni per associazione mafiosa per il periodo fino al 26 marzo 1998. Il nome di Giuseppe Di Bella, inoltre, compare in un pizzino trovato nell’ultimo covo dei Lo Piccolo a Giardinello. Secondo gli investigatori, i padrini di San Lorenzo, avevano incaricato Di Bella di riscuotere il pizzo sui lavori di completamento di una rete fognaria di Capaci, diretti da un imprenditore di Borgetto, Domenico D’Arrigo. “Di Bella G. deve portare i soldi di D’Arrigo per i lavori di Capaci”, recita –tra le altre cose- il pizzino. Dunque a permettere di smantellare la rete del pizzo, oltre agli imprenditori che hanno trovato il coraggio di denunciare, sono stati i collaboratori di giustizia. Per quanto riguarda Salvatore D’Anna 50 anni, capomafia di Terrasini, rilevanti sono state le dichiarazioni del pentito Michele Seidita, già reggente del mandamento di Partinico, il quale ha raccontato che a volere D’Anna a capo della famiglia di Terrasini è stato proprio Salvatore Lo Piccolo che tra l’altro consegnava i proventi dell’estorsioni della cittadina marinara a D’Anna, circostanza svelata dal pentito cinisense Francesco Briguglio. A comandare su Capaci ed Isola delle Femmine era invece Pietro Bruno, 64 anni, anche lui caduto sulle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Francesco Franzese e Gaspare Pulizzi. Maurizio Spataro invece ha parlato di Bruno come referente di Cosa Nostra, già dal 1998. A lui, i Lo Piccolo si rivolsero per superare alcuni ostacoli a Capaci con Francesco Catania, finito in manette ieri tra i 63 arrestati dalla polizia. Su scuole, cantieri, ville, hotel, ristoranti centri estetici e tanto altro ancora, veniva pagato il racket. Dall’operazione “addio pizzo 5” ad esempio emerge che da oltre un quarto di secolo i fratelli Azzolini di Terrasini, titolari degli omonimi alberghi di Terrasini e Villagrazia di Carini, versano la messa a posto a Gaspare Di Maggio, figlio dello storico boss di Cinisi Procopio e prima ancora ad Angelo Conigliaro di Carini. E sempre a Terrasini, Cosa Nostra chiese a Massimiliano e Carmelo Chiappara titolari di un pontile nautico, ben 6000 mila euro. Loro però si rifiutarono di pagare ed allora furono intimiditi prima col fuoco e poi addirittura con una mazza da baseball, sì, uno dei fratelli Chiappara fu pestato a sangue da Sandro Lo Piccolo. Questi agghiaccianti scenari sono stati raccontati dal pentito Francesco Briguglio, ma i Chiappara hanno detto ai magistrati di non aver mai subito richieste esplicite di pizzo. Costretti a pagare per lavorare in pace anche i titolari della ditta Candela che nel 2001 si occupò della dismissione della vecchia aerostazione di Punta Raisi. Sempre Briguglio, dice che versarono 8 o 10 milioni delle vecchie lire. E pagarono pure per le opere di ristrutturazione della caserma Beghelli di Palermo, regista dell’operazione Gaspare Di maggio, il boss di Cinisi. I Candela, hanno confermato di aver versato le somme richieste dalla mafia. La ditta di un altro costruttore, invece, Luigi Spallina, che doveva occuparsi della realizzazione di una scuola materna a Cinisi fu costretto non solo a pagare ma anche a fare delle assunzioni, ha raccontato l’imprenditore agli inquirenti. Insomma, con le cinque operazioni “addio pizzo”, gli uomini della squadra mobile hanno complessivamente arrestato 184 persone, individuato i responsabili di 87 estorsioni, ascoltato 232 cittadini in qualità di parti offese o informate sui fatti, raccolto la collaborazione di 61 operatori economici, sequestrato 15 società con fatturati di svariati milioni di euro. Numeri imponenti nell’azione di contrasto a Cosa Nostra. Adesso la speranza è che le vittime del racket trovino il coraggio di denunciare.


http://www.teleoccidente.it/wp/?p=15172
http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2010/15-novembre-2010/mafia-sequestro-22-milioni-cosca-madonia-di-trapani-1804171279466.shtml 

Beni confiscati:

Aziende

Beni immobili

Localizzazioni

Tema: Beni confiscati criminalità

Legge 20 novembre 2008, n. 15

Legge regionale 3 maggio 2001, n. 6 art. 50

Leggi regionali

PalermoTel. 091.338111Fax. 091.331309-338376 prefettura.palermo@interno.it

Agenda incontri

Protocolli e intese

Relazione annuale 2008

Scrivi al Commissario


Sequestro beni indagine Rebus. Palermo: i carabinieri del R.O.S. hanno eseguito il sequestro di beni per un valore di circa 15 milioni di euro .
Sequestrati beni per 10 milioni di euro all’ex consigliere regionale Crea Pignatone: «Il sequestro è frutto di scrupolose indagini avviate nel 2001»
Sequestrati i beni a Mimmo Crea per svariati milioni di euro Melito di Porto Salvo, sequestrati beni per oltre 10 milioni di euro a Domenico Crea
‘Ndrangheta: beni per tre milioni di euro sequestrati dalla DIA di Catanzaro.
“Ndrangheta: Operazione “Shark”, 25 gli arresti eseguiti nella Locride, decimato il clan dei Cordì
Operazione della Dia nel Sud Milano: così la ‘ndrangheta ha provato a mettere le mani sul castello di Cusago
Guardia di Finanza : Sequestrati beni alla ‘ndrangheta per 2 milioni di euro.
Lo Giudice. Sequestrati beni per circa 14 milioni di euro

http://www.melitoonline.it/2009/10/23/palermo-sequestrati-alla-mafia-beni-per-oltre-2-milioni-di-euro/

*Candidato alle elezioni amministrative anche un nipote del boss
*Consiglio Comunale Isola delle Femmine "infiltrazioni mafiose nella Pubblica Amministrazione"
*Bilancio di previsione 2010 proroga al 30 giugno
*La solidarietà dalle Valle dei Templi
*Isola Ecologica di Isola finanziata dalla C.E., Ditta Zuccarello, AL.TA. Borgetto, ATO/PA1? Dr. Croce, Bruno, geologo Cutino,Puglisi, Ing. Francavilla Arch Licata, M.A.M. s.n.c., geom Dionisi.........
*CONSULENZE e..............
*I PACCHI DELL'AMBIENTALISTA rosso-verde-arancione
*M.A.M. s.n.c. PALazzotto Pizzerie verde e Isola ecologiche
*M.A.M. s.n.c. Progetto di Variante ed Elezioni Amministrative *Consiglio Comunale Su ATO rifiuti e Ripubblicizzazione Acqua Bene Comune
*Angela Corica
*LA CRICCA DEGLI APPALTI
*La munnezza di Isola delle Femmine vale tanto oro quanto pesa
*DELIBERE DELLA GIUNTA PORTOBELLO 2010
*DELIBERE CONSIGLIO COMUNALE
*Rapporto ecomafia 2008 - Sicilia, ciclo dei rifiuti, la monnezza è “Cosa Nostra”
*Controllo su atti Enti Locali Circolari e Legge Regionale 44/1991
*U.R.P. Isola delle Femmine inadempiente pag 7
*Ingegnere Francavilla Stefano
*APPROVATI CANTIERI DI LAVORO
*Ingegnere Lascari Gioacchino
*Ingegnere Lascari Gioacchino Scalici
*C.E n.03-2010 - Enea Orazio Ing Lascari
*Consulenti Geologi Eletti
*Dr. Marcello Cutino geologo
*Cutino dr. Marcello Pet-coke Portobello DIMISSIONI
*Minagra dr. Vincenzo Biologo
*Minagra dr. Vincenzo Consulente ambientale del Sindaco Portobello
*Le acque d’oro di Ambiente e Sicurezza Dr. Minagra
*Vincenzo dr. Minagra Pet-coke Cutino Portobello
*I COSTI DELLA POLITICA INCARICHI DIRIGENZIALI A LAVORATORI PRECARI
*Vigilanza e controllo degli enti locali - Ufficio ispettivo

*ISOLA ecologica PIANO Levante CANTIERI lavoro M.A.M. Pizzerie e........
*APPROVATI CANTIERI DI LAVORO
*Cantiere Lavoro all’isola ecologica
*Isola ecologica
*Architetto Licata Geologo Cutino Incaricati di……
*Architetto Licata
*Restauro Torre

Nessun commento:

Posta un commento